..
Promotori & partenariato
Per saperne di più

Taccuino di viaggio
Per ritrovare il vostro taccuino di viaggio

Digne, il suo laboratorio del sud






Un patrimonio geologico classificato dall'UNESCO


Questo territorio, che segna la transizione tra la Provenza e le Alpi, è caratterizzato da una diversità  paesaggistica eccezionale. Occupato per due terzi da spazi naturali, è particolarmente noto per la sua ricchezza geologica. Gli ultimi 300 milioni di anni di storia della Terra hanno modellato qui dei paesaggi poco comuni: creste calcari, gole strette e selvagge, corrugamento e strati, rilievi erosi delle marne nere… Quest'abbondanza di siti geologici è all'origine della creazione, nel 1984, della Riserva Geologica di Haute-Provence (la più grande d'Europa- 230 000 ettari). Dal 2000 è stato riconosciuto territorio protetto dall' UNESCO (European Geopark).


Un paesaggio abitato


Quando ci prendiamo del tempo per esplorare questo territorio, ci rendiamo subito conto che non si tratta affatto di una natura selvaggia. Le numerose rovine di villaggi inerpicati ci ricordano che queste montagne una volta erano popolate e che la vita non sempre è stata confinata nel fondo delle vallate.

“Poche persone vivono oggi nelle montagne ma i segni della loro vita passata sono molto ben visibili in questi luoghi. […] Nel paesaggio non vedo soltanto la natura ma anche le persone che ne fanno parte. I sentieri, gli edifici e i campi sono altrettante testimonianze della presenza degli uomini ed è questa presenza che m'interessa." [Andy Goldsworthy]